Slide thumbnail

NPS®SYSTEM

LA NUOVA TECNOLOGIA COSTRUTTIVA
A STRUTTURA MISTA ACCIAIO-CALCESTRUZZO
COMPLETA DI TRAVI, PILASTRI E SOLAI, AUTOPORTANTI, MARCATI CE

CLICCA QUI
PER SCOPRIRE TUTTI I PRODOTTI

Pilastri NPS® SYSTEM. Maggiori infoTravi NPS® SYSTEM. Maggiori info
Slide thumbnail

SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CON NPS®SYSTEM

Ilab certificato LEED Platino. Maggiori info
Slide thumbnail

NPS®SYSTEM IDEALE PER PARCHEGGI MULTIPIANO

Park Monte Oro. Con NPS®SYSTEM 28 posti auto in più. Maggiori info
Slide thumbnail

BASTANO 1 GRUISTA E 2 OPERAI
PER LO SCARICO E LA POSA
DI TRAVI, PILASTRI E SOLAI NPS®SYSTEM

Riferimenti normativi

Le Travi NPS® SYSTEM sono progettate e realizzate nel pieno rispetto della normativa tecnica e sono classificabili come travi reticolari autoportanti miste acciaio–calcestruzzo costituite da un traliccio reticolare metallico inglobato nel getto di calcestruzzo. Il traliccio reticolare è realizzato in accordo con i requisiti del § 11.3.4 (acciai per strutture metalliche e per strutture composte) delle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2008).
Le travi NPS® SYSTEM sono disciplinate dai §§4.2 e 4.3 delle NTC 2008.
Per quanto non espressamente specificato nelle NTC 2008, il riferimento sono gli Eurocodici strutturali, come previsto dal §12 delle NTC2008.

Appartenenza alla categoria a)

La Presidenza del C.S.LL.PP. – Servizio Tecnico Centrale ha riconosciuto l’appartenenza delle Travi NPS® SYSTEM di Tecnostrutture alle travi miste acciaio-calcestruzzo, ovvero alla categoria a) delle Linee Guida per l’utilizzo di travi tralicciate in acciaio conglobate nel getto di calcestruzzo collaborante e procedure per il rilascio dell’autorizzazione all’impiego.

Certificazioni e autorizzazioni ministeriali

Tutta la filiera produttiva NPS® SYSTEM Tecnostrutture è coperta da autorizzazioni ministeriali e certificazioni sia obbligatorie sia volontarie. I prodotti NPS® SYSTEM sono marcati CE ai sensi della EN 1090-1.
Il C.S.LL.PP. è stato interpellato più volte per fornire chiarimenti su questioni di fondamentale rilievo per gli operatori di settore.

Primo quesito:

1) È possibile utilizzare barre in acciaio del tipo B450C con diametro superiore a 16 mm per realizzare trave tralicciate miste successivamente conglobate in un getto di calcestruzzo collaborante?
Il C.S.LL.PP. ha espresso di recente, attraverso la formulazione di risposte a questi quesiti specifici, importanti indicazioni circa la propria lettura della norma ( rif. Risposta prot.0005741 del 08-07-2013 data all’azienda SCAI di Potenza).

Sul primo quesito, il Servizio Tecnico Centrale (in breve STC) si è espresso affermando che ciò non è possibile “ in quanto al §11.3.2.5 delle NTC dedicato alle reti e tralicci elettrosaldati limita l’impiego di barre di B450C ai diametri compresi tra 6 e 16 mm. Il STC ritiene che i tralicci di cui si parla nella norma, siano quelli prodotti industrialmente per la realizzazione di elementi da solaio, tipo predalles o bausta. In ogni caso la limitazione in questione appare motivata ”soprattutto da problemi di saldatura, dovuti alla difficoltà di garantire le prestazioni di saldature realizzate su barre di forte diametro”. Il STC afferma inoltre che “ in merito alla questione delle saldature, nell’ambito della revisione in corso delle NTC2008, venga fatto obbligo ai costruttori e ai trasformatori che eseguono saldature su barre ad aderenza migliorata di seguire in tutto e per tutto la norma EN-ISO 17660-1.” In tal senso il STC è del parere che “ sia possibile realizzare travi tralicciate con acciaio B450C di diametro superiore ai 16 mm a condizione che tale impiego sia stato autorizzato dal STC e siano rispettate tutte le disposizioni contenute nelle NTC 2008 in merito alle piegature dei ferri utilizzati, alla modalità di saldatura impiegata, con particolare riferimento anche alla EN-ISO 17.660-1.”

Secondo quesito:

2) È possibile applicare la marcatura CE su alcune tipologie di travi tralicciate in acciaio in conformità alla EN 13225 Prodotti prefabbricati di calcestruzzo – Elementi strutturali lineari, esonerandole da qualsiasi esame preventivo del Servizio Tecnico Centrale?
Il C.S.LL.PP. ha dichiarato che le travi tralicciate miste ascritte alla categoria b) e c) anche se armonizzate alla norma EN 13225, non possono godere della marcatura CE in quanto questa riguarda elementi prefabbricati finiti immessi sul mercato e non i singoli elementi prodotti a cui fa invece riferimento la EN 13225. Secondariamente, la norma EN13225, letta in tutto il suo contenuto, pare non riferirsi ad elementi strutturali le cui caratteristiche geometriche, meccaniche o di stabilità si determinano prevalentemente in cantiere con i completamenti di cui necessitano.
Le travi autoportanti miste acciaio calcestruzzo ascritte alla categoria a) delle NTC possono invece godere della marcatura CE ai sensi della EN 1090-1 esonerandole da qualsiasi esame preventivo da parte del Servizio Tecnico Centrale.
La marcatura CE ai sensi della EN 1090-1 di fatto sostituisce l’attestazione del Servizio Tecnico Centrale per i produttori di carpenteria metallica che non potrà più essere utilizzata dal 1 Luglio 2014 (fine del periodo di “coesistenza” tra le disposizioni nazionali e quelle comunitarie).

twitter